venerdì 30 novembre 2018

Pic des Mémises


Nella foresta, tra le rocce, sull'erba umida, attraverso le nuvole, fino a lanciare lo sguardo nell'azzurro, contando i picchi e gli strati e poi ancora una volta attratta dai ghiacciai.

La foresta prima, placida nel suo sonno appena iniziato, vi adagio i miei pensieri.


Le rocce biancastre oltre i rami sfrondati riverberano luce che per me diventa suono. Sensazioni di pietra liscia pungente spigolosa sotto i polpastrelli e i piedi, di spinte e appoggi che tutto assorbono rimandando energia.





Passo tra i sassi, ma poi c'è una scala per salire nell'aria senza toccare roccia, stretta al metallo freddo. A metà mi fermo: alla mia sinistra, file di spuntoni, cime, cocuzzoli a trapezio.
Poi, in alto, un passaggio sassoso si apre su un sentiero che penetra senza indugio nella nebbia e io con lui.


Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *