martedì 21 marzo 2017

Castore

Verso il Castore
La notte al rifugio Quintino Sella sento il vento sbattere contro le pareti e il tetto, inarrestabile. Mi rigiro cercando di sprofondare in quel rumore che si spegne ad ogni botto in un’eco soffocata, fino ad addormentarmi. Vento che spazza il cielo o che porta nubi, chi lo sa? Che mi porti ora nel sonno.


Il rifugio Quintino Sella
Alle 7 quando ci troviamo per la colazione, fuori tutto è biancastro di aria gelata. Il vento è ancora forte e nella corsa immobilizza tutto in uno strato di brina.


Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *