venerdì 25 marzo 2016

Nel ventre del ghiacciaio

Il ghiacciaio di Zinal
Di neve ce n’è, strato su strato come panna montata depositata a spirali e ghirigori attraverso un beccuccio frastagliato.

Cristallizzata dal freddo, dal sole e dal freddo, come una manciata di zucchero fine che ora rimanda la luce suddivisa in una miriade di raggi fini che si incrociano e ripartono a ventaglio.


Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *